Persone oneste

Appunti sull'onestà PDF Stampa E-mail
  
Lunedì 09 Maggio 2011 12:11

Onestà: evoluzione del termine

  • Treccani 1829: Virtù per la quale ci guardiamo da tutte quelle azioni e parole che sono contrarie al dovere e all’onore, e più comunemente si usa a significare la virtù della pudicizia. (donna o., ragazza o., la cui condotta, spec. nella sfera sessuale, si conformava a quei principî che dall’opinione comune venivano ritenuti moralmente corretti.)
  • Treccani ultima edizione: Di persona che agisce con onestà, lealtà, rettitudine, sincerità, in base a principî morali ritenuti universalmente validi, astenendosi da azioni riprovevoli nei confronti del prossimo, sia in modo assoluto, sia in rapporto alla propria condizione, alla professione che esercita, all’ambiente in cui vive: è un uomo o. […]; funzionario o.; un commerciante, un artigiano o., che si accontenta di un giusto guadagno; è gente o.; una famiglia povera e o. Anche di chi, nel suo lavoro, è scrupoloso, coscienzioso: è un impiegato, un operaio o.
Nella storia della lingua italiana si tratta di un’evoluzione formidabile di un termine, che si  è adattato per andare a coprire un qualcosa che nel corso degli ultimi decenni è diventato sempre più urgente, sempre più centrale, e in grado di coprire tutta la sfera delle relazioni sociali e professionali di una persona.

Onestà: persone / comportamenti

Questa evoluzione ci aiuta anche a capire che il termine onestà non si riferisce più ad una qualità innata o assoluta, ma al frutto di comportamenti quotidiani e ripetuti. Dire che una persona è onesta (o che è disonesta) non è la stessa cosa che dire che una persona è alta, o che è abbronzata, o che è simpatica. Non solo, ma non è nemmeno possibile fare un singolo atto nella propria vita tale da garantirmi di essere considerato onesto per il resto della mia vita. Se domani faccio una rapina a mano armata e faccio secche due o tre persone innocenti, a quel punto non importa più se fino a ieri ho sempre pagato le tasse o ho sempre rispettato i limiti di velocità. L’onestà non è un qualcosa che si acquista per sempre, ma al contrario è una qualità che le altre persone ci attribuiscono, giorno per giorno, con costanza.

Onestà: un termine di relazione

Insomma, l’onestà è un termine relazionale, perché implica l’esistenza di altre persone. Non ha senso definire “onesta” una persona che si trova da sola su un’isola deserta: io posso essere onesto o disonesto solo interagendo con gli altri, solo attraverso il giudizio degli altri.

Onestà: una pratica da valorizzare

È proprio questo filo conduttore che ha portato alla nascita dell’Associazione Persone oneste. Un gruppo di persone, che si sono dette: ma è possibile che a tenere comportamenti onesti si debba sempre essere soli? Non c’è nessuno che senta il bisogno e l’orgoglio di essere onesto e di condividerlo?
E allora la nascita di un’associazione che (dal nostro statuto) “si ispira ai principi di onestà, rispetto, giustizia, trasparenza e solidarietà, e si propone di diffondere e consolidare la pratica dell’onestà, intesa sia come rispetto quotidiano della legalità, sia quale mezzo per lo sviluppo della fiducia reciproca fra le persone. In particolare l’Associazione si propone di tutelare e valorizzare la pratica di comportamenti onesti da parte dei propri Soci e delle proprie Socie, valorizzandone il loro apporto in ogni ambito professionale, imprenditoriale e culturale.
Non più quindi azioni di denuncia e di critica contro i disonesti (in molti lo fanno già, e i media danno già ampio spazio), ma proposte costruttive a favore degli onesti.
È a questo punto però che le cose devono farsi più concrete.

Onestà: dei parametri da condividere e negoziare

logopersoneonesteMa chi decide se un comportamento è onesto oppure no? Ognuno di noi, in fondo, cerca di darsi delle regole che siano sufficientemente “larghe” da farci sentire a posto con la coscienza. Per questo ci siamo dati dei parametri, un “codice etico” frutto di negoziazioni e compromessi, ovviamente, ma che oggi ci vincola e ci rappresenta.
Ogni Socio ed ogni Socia si impegna:
  • a mettere quotidianamente in pratica comportamenti onesti e trasparenti nel corso delle proprie attività professionali, ispirando le proprie scelte ai valori promossi dall'Associazione;
  • a non evadere od eludere le norme fiscali vigenti in alcun modo, né direttamente per propri interessi né indirettamente per fini professionali o con il concorso di altre persone;
  • a richiedere esplicitamente, ove ragionevolmente possibile ed opportuno, il rispetto della legalità da parte delle altre persone con cui si trova occasionalmente o continuativamente ad interagire, senza distinzioni o favoritismi nei confronti di familiari, colleghi, conoscenti o altri;
  • a non partecipare o sostenere nessun tipo di organizzazione con obiettivi illegali o mirante ad aggirare o sovvertire leggi vigenti o comunque avente principi e finalità incompatibili con l’Associazione;

Onestà anche per le imprese?

Come fare ad estendere questi principi più in generale al mondo del lavoro e delle imprese? È chiaro che non possiamo pensare all’onestà come ad una sorta di bollino di qualità. E ovviamente il problema sorge quando si esce dalla sfera personale e bisogna definire se un negozio o un’impresa siano onesti oppure no.
Come associazione stiamo lavorando proprio su questo, e crediamo che tutto debba partire da un’assunzione di impegni precisi e verificabili. Proviamo a fare un esempio. Diciamo tanto per fare un caso concreto che due parametri fondamentali siano il pagare le tasse e il rispetto delle norme sui rapporti di lavoro.
Qui non si tratta di verificare se sino ad ora questo negozio o questo imprenditore abbiano sembre pagato tutte le tasse e abbiano avuto sempre lavoratori regolari. Si tratta invece di dichiarare solennemente: da oggi io pagherò sempre tutte le tasse, da oggi io non terrò nessun lavoratore al nero. E lo devo scrivere grande, devo mettere i cartelli e me ne devo vantare di questa mia scelta.
Ma devo da ora in poi anche essere sempre coerente a questi miei impegni pubblici. Perché a maggior ragione nel mondo di oggi, dove la diffusione delle informazioni è moltiplicata esponenzialmente, se io ricomincio a non fare le fatture, se assumo della gente al nero o se gli pago gli straordinari fuori busta, la mia reputazione sarà compromessa. Non si può affiggere un cartello con scritto “io non evado le tasse”, e poi chiedere alle persone “serve la ricevuta…?”, perché il giorno dopo sul blog o su facebook o dal barbiere la gente ti smonta!
In questo modo quello che entra in gioco è la reputazione di quell’impresa e delle persone che la rappresentano. Se noi riusciamo ad essere credibili con le nostre proposte, l’onestà diventa anche quel portentoso meccanismo per innestare un circolo virtuoso, per poter affermare finalmente che l’onestà conviene sempre, e che anzi può essere un vero e proprio valore aggiunto.
Siamo noi, con le nostre scelte quotidiane come consumatori, come lavoratori, come cittadini a poter fare in modo che l’onestà non sia più considerato un fardello, una zavorra, ma al contrario un valore aggiunto. Se decidiamo di fidarci di chi paga le tasse e assume le persone con contratti regolari, stiamo trasformando la pratica dell’onestà in valore aggiunto, in un fattore di successo per l’impresa. Dobbiamo fare in modo che chi persegue l’onestà abbia anche più probabilità di trovare lavoro e di avere successo imprenditoriale. Dobbiamo fare pubblicità a chi lavora correttamente e onestamente, e dobbiamo dire senza vergogna ma anzi con orgoglio: io non evado le tasse, io non assumo al nero, io sono fiero di essere onesto. E a nostra volta dobbiamo essere cittadini attivi.
Ultimo aggiornamento ( Lunedì 09 Maggio 2011 12:21 )
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Custom Tags Cloud

Giocando con l'onestà

Giocando con l'onestà.

Giochi e percorsi didattici per sviluppare il senso delle regole e della legalità.

copertinagiocandocononesta

Acquista il manuale didattico di Persone Oneste.

Tutti i proventi saranno devoluti alle attività dell'Associazione!

Leggi di più su questo libro.

Pubblicità

Sostieni le nostre attività!

Aiutaci a crescere!

La transazione viene effettuata in massima sicurezza attraverso il sistema Paypal. Puoi scegliere qualsiasi importo, e nessuna informazione verrà registrata su questo sito, al fine di garantire la massima riservatezza!

Ricerca sul web con Google

Usando questa funzione di ricerca, ci aiuti in maniera semplice ed immediata a sostenere le nostre attività!