Persone oneste

Soldi smarriti: esempio o normalità...? PDF Stampa E-mail
  
Martedì 15 Febbraio 2011 17:44

Diversi quotidiani hanno oggi riportato due notizie di persone che hanno riconsegnato alle autorità dei soldi smarriti. Entrambi i fatti sono accaduti a Roma.

Nel primo caso tre commessFoto da Il Messaggeroe di una libreria di Roma hanno trovato una borsa smarrita nel negozio, e l'hanno consegnata ai carabinieri. La borsa conteneva circa 7.000 euro, ed apparteneva ad una signora di 70 anni molto distratta. Il colonnello dei carabinieri ha persino incontrato le commesse, per encomiarle di persona.

Un altro caso riguarda una 43enne disoccupata che ha trovato 500 euro in banconote e le ha portate al più vicino commissariato di polizia, ricevendo anche lei un encomio personale da parte delle istituzioni, in questo caso il questore di Roma.

Buone notizie, sicuramente. Ma anche una denuncia di "anormalità" in un paese dove probabilmente sono invece molti di più i casi di piccola ma quotidiana onestà.

Usiamo infatti molto spesso degli alibi per giustificare le nostre piccole disonestà, pensando al fatto che sono ben altri i "veri" disonesti: criminali e mafiosi, politici corrotti, i "grandi" evasori fiscali. Al contrario tendiamo ad "auto-assolverci" quando siamo noi, nel nostro piccolo, a compiere atti disonesti: passando avanti alla fila, bruciare un semaforo rosso, salire sull'autobus senza biglietto, scaricare musica piratata... O anche, come spesso succede, tenendoci ciò che altri hanno smarrito: portafogli, borse, cellulari, gioielli. Tutti oggetti il cui proprietario è agevolmente rintracciabile dalle autorità, e per le quali non dovrebbe esistere "alibi".

Retorica perbenista? Forse, ma è importante sapersi anche confrontare con il proprio carattere e con i propri comportamenti: quante persone, salite su un mezzo pubblico senza biglietto, accettano serenamente la contravvenzione? E quante invece fanno di tutto pur di non pagare per il proprio comportamento scorretto?

Il rispetto del prossimo, pare scontato, ma passa ovviamente dai nostri piccoli comportamenti quotidiani e da quanto siamo in grado di trattenere i nostri piccoli impulsi meschini ed egoisti. Tenendo presente che sapersi comportare correttamente in un contesto dove si dà per scontata una diffusa illegalità costituisce di per sé un vero atto di coraggio.

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=138533&sez=HOME_ROMA

 

Ultimo aggiornamento ( Martedì 15 Febbraio 2011 18:09 )
 

Commenti  

 
0 #3 Antonio 2012-02-17 12:03
Noi abbiamo aperto una sede per le persone oneste si trova su Facebook antonio cavezza
Citazione
 
 
0 #2 massaro tiziana 2012-01-12 08:28
VA BENE L'ENCOMIO DEI CARABINIERI MA ...AIUTARE LA SIGNORA DISOCCUPATA A TROVARE UN LAVORO? MAGARI UN POSTO PUBBLICO NON SAREBBE GIUSTO COME RICOMPENSA?
Citazione
 
 
0 #1 tiziana canali 2011-02-16 08:02
Volevo complimentarmi con questa "disoccupata" che ha restituito i 500 Euro trovati in terra e che le sarebbe stati molto utili. Ritenevo di essere una persona onesta, ma,letti i vostri quiz mi devo vergognare.
Complimenti a voi tutti
Gianni Lentini
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Custom Tags Cloud

Giocando con l'onestà

Giocando con l'onestà.

Giochi e percorsi didattici per sviluppare il senso delle regole e della legalità.

copertinagiocandocononesta

Acquista il manuale didattico di Persone Oneste.

Tutti i proventi saranno devoluti alle attività dell'Associazione!

Leggi di più su questo libro.

Pubblicità

Sostieni le nostre attività!

Aiutaci a crescere!

La transazione viene effettuata in massima sicurezza attraverso il sistema Paypal. Puoi scegliere qualsiasi importo, e nessuna informazione verrà registrata su questo sito, al fine di garantire la massima riservatezza!

Ricerca sul web con Google

Usando questa funzione di ricerca, ci aiuti in maniera semplice ed immediata a sostenere le nostre attività!